lunedì 29 gennaio 2018

#ASKTOSAM | Rispondo alle vostre domande di Facebook e vi do una piccola news 🗞

Buongiorno a tutti, lettori! E buon lunedì mattina. Come state? Come avete passato il weekend? Io direi nella norma, anche se ho lavoricchiato un po' al pc fino a ieri sera xD Come avevo accennato qualche giorno fa, essendo impossibilitata al momento, e quando avrei dovuto registrare il video-ask, ho deciso di rispondere a queste prime domande qui sul blog, in modo che chi le aveva lasciate può (finalmente) conoscere le mie risposte. Non temete, però, perché appena sarò sicura di avere tempo riutilizzerò il format delle domande, avendo notato che in pagina siete anche aumentati tantissimo! E di questo vi ringrazio. Ma prima di lasciarvi alle domande, volevo dirvi che...

DA IERI È POSSIBILE PREORDINARE IL VOLUME UNICO DELLA TRILOGIA SU AMAZON! E se non sapete di cosa sto parlando (molto male) vi lascio da leggere il post in cui ho spiegato tutto. TROVATE L'EBOOK DI THE DIFFERENT WORLDS TRILOGY (UNDERWORLD, OTHERWORLD, LASTWORLD) CLICCANDO PROPRIO QUI *-*

E adesso non perdiamoci più in chiacchiere! Direi che è proprio arrivato il momento di rispondere alle vostre domande xD Trovate tutto qui di seguito :)


Marianna chiede: Per quanto riguarda il retelling di Rossana c'è già un idea, seppur astratta, di come si svilupperà?
# Sì, c'è già un'idea e, a dirla tutta, anche una trama vera e propria xD Devo solo sistemare alcuni tasselli mancanti, ma ho in mente un percorso ben preciso di come dovrebbe svilupparsi la storia. Ed essa sarà molto diversa rispetto al manga originale. Forse, più che retelling, si dovrebbe addirittura parlare di "ispirazione alla lontana", anche se non so se questo, soprattutto per chi si aspettava solo una riscrizione più adulta, possa essere una bella notizia.

Angela chiede: Stai lavorando ad un nuovo romanzo? Se si, Che genere?
# Sì, oltre a quelli che conoscete, e di cui ho parlato nell'ultimo periodo, sto lavorando ad un nuovo romanzo. Un nuovo/vecchio progetto. Quando la domanda mi è stata fatta, ad ottobre 2017, mi stavo occupando, oltre al retelling di SM, del volume unico della mia trilogia d'esordio, che ormai è perfino pubblicato. Oggi posso dire che sto lavorando non solo ad un'idea ancora top secret, che riguarda proprio questa serie, ma anche al secondo volume della mia serie new adult di romanzi autoconclusivi, La casa di nessuno.

Silvia chiede: Come ti è venuta l'idea per la saga The Different Worlds?    Pensi che scriverai ancora qualcosa di questo genere letterario? Ti senti più autrice fantasy o romance? Quando hai deciso di voler diventare una scrittrice?
# Alla prima domanda avevo già risposto in svariate interviste, quindi la faccio semplice, perché la risposta che do sempre è abbastanza lunga e non vorrei annoiare qualcuno... Era un momento no. Non solo avevo diversi problemi personali, ma avevo un blocco generale, sia da lettore che da scrittore. Devi sapere che, sebbene questa sia la mia serie d'esordio, scrivevo per me stessa e su un sito di scrittura amatoriale da diverso tempo, ma per un periodo non sono riuscita a mettere insieme neppure una frase piccolissima. Un pomeriggio guardavo disperata la mia libreria e, osservando la svariata quantità di figure leggendarie che vengono utilizzate nel fantasy, mi sono chiesta perché qualcuno avrebbe dovuto scegliere se leggere una saga che parlava di Tizio anziché un'altra che raccontava di Caio... Ci ho messo dentro un po' (okay, tanta) di mitologia e quella sera stessa è nata la trama di Underworld e i suoi personaggi.
# Alla seconda domanda rispondo ovviamente sì! Amo il genere urban fantasy, e ho anche diverse bozze per altre storie di questo genere, ma mi piace spaziare e sperimentare tutto il soprannaturale... Ecco perché prossimamente leggerete anche una duologia paranormal romance. (E rispondo qui anche alla terza) E amando spaziare e sperimentare, non ti so dire se mi sento più autrice romance o fantasy, anche perché io cerco di entrare in simbiosi con la storia che sto scrivendo.
# Alla quarta domanda non ti so dare una risposta precisa. Io ho sempre immaginato storie, e se da piccola usavo le bamboline che mi realizzavo da sola, inventando trame e intrighi che dovevano sbrogliare, crescendo ho iniziato a scrivere piccoli racconti e poi fanfiction... Scrivendo più assiduamente, il sogno di pubblicare qualcosa di mio, di vedere i miei libri in libreria, è maturato con me.

Leen chiede: Scriveresti mai un libro unicamente dal POV maschile? Hai già un titolo per il terzo libro della serie A causa tua? Hai mai scritto (o hai intenzione di scrivere) libri fuori dal genere fantasy e romance? Come sono nati i titoli dei tuoi libri? Qual è stata la prima scena di A causa tua che hai scritto? E quale della trilogia fantasy?
# Qui le domande sono tante, quindi raggruppo gli argomenti xD Parliamo di A causa tua e della sua serie di romanzi autoconclusivi. Io ho già tutti i titoli di tutti i romanzi che formano la serie. So gli argomenti, conosco i personaggi, so l'ordine di pubblicazione e di apparizione... Questa serie è nata sotto una buona stella, si può dire, perché mentre scrivevo A causa tua si sono scritti in automatico anche gli altri. E questi titoli, come tutti quelli delle mie storie, nascono dal nulla, mentre sto creando la trama o buttando giù la bozza della sinossi, o si sviluppano insieme a me e al libro stesso. Invece, la prima scena che ho scritto di questo romanzo è il prologo, come anche quella della trilogia fantasy. Posso appuntare sul mio blocco scene disparate, dialoghi o perfino brevi frasi, ma quando mi metto al computer e apro Word comincio sempre dal prologo. Non mi piace scrivere pezzi a caso, ecco, è una specie di rito propiziatorio suggerito e obbligato dalla mia pignoleria e dal mio ordine interiore.
# Io non so mai cosa scriverò e non scriverò, semplicemente perché mi lascio guidare dall'ispirazione e dall'idea che mi nasce in quel momento. Perciò sì, potrei scrivere, un giorno, un libro interamente con un punto di vista maschile. E posso darti la stessa risposta riguardo ai generi. Per di più, nel mio archivio di bozze, ho tantissime trame con generi diversi... C'è anche un thriller-romance xD

Silvia chiede: Quale libro di un altro autore vorresti aver scritto tu?
# Forse un giorno della Hoover. Ho letteralmente amato quel romanzo, tanto che pur avendolo in digitale, acquistato quando la casa editrice lo aveva scontato, l'ho cercato come una matta in tutte le librerie. Poi ho scoperto che era in ristampa, e quando è uscito in versione pocket mi sono fiondata ad acquistarlo. Ho adorato i temi, la scrittura, i personaggi, le canzoni... Per me quel romanzo è la perfezione.

E con questo è tutto. Se avete altre domande, segnatele, perché (spero) presto ci sarà un secondo round, a cui risponderò direttamente nelle mie stories di Instagram. Io credo di aver risposto a tutti, perché ho guardato nei vari social dove avevo postato l'immagine e le domande le ho trovate esclusivamente su Facebook. Nel caso mi fossi persa qualcuno (e chiedo scusa!) commentate qui sotto, darò la mia risposta quando riproporrò il format. Io vi saluto e vi mando un bacio!
Samantha M. Swatt

martedì 23 gennaio 2018

"The Different Worlds Trilogy (Underworld, Otherworld, Lastworld)" presto online!

Buongiorno a tutti, lettori! Oggi sono qui per dirvi due cosucce — che chi mi segue assiduamente anche su Facebook saprà, ma io preferisco ripeterle anche per chi, magari, controlla semplicemente il blog per restare aggiornato. Uno dei due punti l'avrete sicuramente già capito dal titolo... e ci arriviamo, l'altro ve la comunico velocemente qui di seguito.

#ASKTOSAMA ottobre 2017 avevo messo un'immagine su Facebook, Twitter e il mio profilo Instagram privato, con l'hashtag ufficiale #asktosam, e per un mesetto avevo lasciato che vi sbizzarriste con le domande... A dicembre avrei dovuto registrare il video in cui vi rispondevo, ma è stato un mese allucinante, quindi non sono riuscita a concludere un bel niente. Tuttavia, non voglio lasciare le vostre domande senza risposta, ma al momento non ho tempo materiale per fare il video-ask che avrei voluto fare. Ecco perché ho deciso di creare due step per risolvere la questione: (1) alle domande che mi sono state fatte "l'anno scorso" risponderò in settimana qui, sul mio sito autrice, ma (2) prestissimo riproporrò il format sul mio profilo Instagram (quello privato, che ricordo mi trovate come @samanthamswatt) e cercherò di rispondere in tempo reale, man mano che le domande arriveranno, direttamente sulle stories. Cosa ne dite? Vi piace questo compromesso? E chi non mi segue ancora su IG, cosa state aspettando?

HO PUBBLICATO IERI, IN ANTEPRIMA FACEBOOK, LA COPERTINA UFFICIALE DEL VOLUME UNICO DELLA SERIE, CHE USCIRÀ A BREVE NEGLI STORE COL TITOLO DI: "THE DIFFERENT WORLDS TRILOGY (UNDERWORLD, OTHERWORLD, LASTWORLD)".

COPERTINA VOLUME UNICO
Ebbene sì, dopo tanto tempo (lo so), sono riuscita a portare a termine il mio progetto di pubblicare, in un libro unico, la mia serie d'esordio. Per chi fosse nuovo e non avesse idea di cosa sto parlando, vi lascio il link per raggiungere il sito ufficiale della trilogia: al suo interno, trovate le varie trame (ma io vi consiglio di leggere solo quella di Underworld, perché c'è il rischio di spoiler grossi quanto una casa) ma anche una sezione dedicata alla serie in generale. I temi che affronta, i vari generi che racchiude, le ambientazioni e tanto altro. Ma adesso è tempo di fornirvi tutti i vari dettagli, sul digitale e non, e svelarvi per l'appunto il prezzo, il numero di pagine e... la data d'uscita!
Già in pagina, pubblicamente e privatamente, mi avete chieste se uscirà la versione cartacea. Ecco, al momento non lo so... È sicuramente più sì che no, più per volontà mia personale che per concretezza, e il motivo riguarda il prezzo. Non si parla di un volume di 300 o 400 pagine che riuscirei a far uscire al costo di A causa tua, bensì di un romanzo che conta precisamente 1043 pagine! Cosa abbastanza normale, visto che stiamo parlando di un libro composto da tre libri. Tuttavia, in questi giorni farò le mie dovute ricerche e, se riuscissi ad arrivare a qualcosa che si aggira fra i € 18,00 e € 20,00, potrei anche valutare la pubblicazione cartacea. Però mi chiedo una cosa... Se il prezzo si aggirasse intorno a queste cifre, sinceramente, lo acquistereste o no? Non mi spaventano le risposte negative, vorrei solo sapere cosa ne pensate. Parlando di eBook, invece, il costo del digitale sarà di € 5,99. Ho cercato di impostare una cifra equa, contando che si parla di tre romanzi in uno... Per finire, la data d'uscita era prevista per il 26 gennaio, e non escludo che il 26 il romanzo sarà scaricabile su Amazon, ma ho avuto un grosso, grossissimo problema con il maledetto indice ç_ç Non mi si forma e non so perché. Quindi  devo decidere se insistere, facendo slittare ancora di qualche settimana l'uscita di questo benedetto romanzo (sembra una congiura ultimamente, davvero) o arrendermi, pubblicandolo senza indice  o con un indice indicativo, quindi semplicemente una lista senza la possibilità di utilizzare le voci effettivamente per raggiungere il capitolo che si desidera  e cercare, pian piano, di capire come risolvere il problema, aggiornando più avanti il file sullo store. E questo, voglio precisarlo, non vi penalizza in nessun modo... Se avete attiva la voce dei miglioramenti tipografici, quando il digitale che avete scaricato sul vostro Kindle subisce una modifica, vi viene scaricata automaticamente la versione più aggiornata. Malgrado questa gigantesca premessa, e mi scuso per la mia incapacità di essere concisa, se fossi costretta a dover scegliere una delle prime ipotesi, il romanzo verrà sicuramente pubblicato fra il 26 e il 31 gennaio.

E siamo giunti alla fine di questo post. Come al solito, io spero di essere stata chiara, ma se avete domande, perplessità, dubbi, non esistete a scrivermi *-* Potete commentare qui sotto, contattarmi nei vari social o scrivermi una mail... Io vi risponderò appena possibile! Un bacione a tutti e buona giornata :)
Samantha M. Swatt

lunedì 15 gennaio 2018

Il 2018 porta un mucchio di novità...

Buongiorno a tutti, lettori! Anche se nettamente in ritardo, voglio augurarvi anche qui un buon annuo nuovo. Per chi non mi seguisse in pagina, e vi invito a farlo!, faccio un recap delle cose che sono successe fra la fine del 2017 e l'inizio di questo 2018... spiegandovi prima di tutto perché, ultimamente, sono stata un po' latitante. Purtroppo  passato il 25 dicembre non sono stata molto presente sui social, sto ricominciando solo di recente, poiché ho dovuto riprendermi dall'influenza devastante che ha travolto tutta la famiglia xD Finito il pranzo di Natale, infatti, qui in casa mia è stato un delirio, prima si è ammalata mia madre e poi mia nonna, dopodiché ho avuto anche io la mia terza ricaduta... Sì, avete capito bene, terza ricaduta. Abbiamo passato il 31 con 39 di febbre ù.ù' quindi potete immaginare che bellissimo ultimo dell'anno abbiamo trascorso...
Questi i motivi principali che mi hanno tenuta lontana da tutto il mondo del web. Anche perché, diciamocelo, in quelle condizioni non avevo nemmeno voglia di alzarmi dal letto, figurarsi pubblicare un post o fare i vari auguri xD Per di più, mi sono curata veramente male, dovendomi dividere fra madre e nonna, andare ugualmente a lavoro perché nessuno poteva sostituirmi... Insomma, quelle due settimane di "vacanza" sono state un vero calvario, aggravate anche da episodi spiacevoli che si sono verificati su Facebook, e che stanno continuando anche in privato ancora oggi. Ma questa è un'altra storia. Di seguito, perciò, vi lascio per punti una sottospecie di schema dove vi raggruppo quello che è successo e che succederà in questi primi mesi dell'anno!

   SONO APPRODATA SU INSTAGRAM   

Ebbene sì, gente. Me lo avete chiesto, richiesto e strachiesto e alla fine ho deciso di aprire un profilo pubblico. Ne possiedo già uno privato, cosa che avevo detto anche qui, se non erro, ma avendo al suo interno foto personali, mie e della mia famiglia, dei miei e quant'altro, sono sempre stata restia a renderlo pubblico. Ecco perché alla fine ho seguito il vostro consiglio e ho creato un account senza restrizione da utilizzare sia come autrice che come blogger. Mi trovate qui@samanthamswatt.

   IL LATO NASCOSTO DELLA LUNA   

Il 27 dicembre ho pubblicato sulla mia pagina Facebook la copertina e la trama ufficiale del retelling di cui, lo so, vi sto facendo un testone da mesi e mesi e mesi... Non mi dilungo troppo su questo perché, se interessati, vi invito ad andare a cercare il post (e lo trovate subito) leggere la sinossi e ammirare il fantastico lavoro che ha fatto Alessia Coppola. È lei, infatti, l'illustratrice che ha disegnato l'immagine che ho poi usato per creare la cover, e sono davvero soddisfatta *-* Ha fatto un ottimo lavoro. Restate sintonizzati, comunque, perché presto ci saranno novità interessanti.

   THE DIFFERENT WORLDS TRILOGY   

Conoscete questo nome, vero? Bene, per quanto riguarda la mia serie d'esordio, che ricordo, magari per i nuovi iscritti, essere di genere Urban Fantasy, ho ben due notizie. (1) Il sito ufficiale della trilogia, dopo un botto di tempo, lo so, scusatemi, è tornato online!  La grafica è cambiata, rimanendo pressapoco la stessa, ho aggiunto e tolto dettagli, sistemato le varie sezioni, la colonna laterale e ho cercato di dare al sito un aspetto più "maturo", semplice e d'impatto. Ho giocato molto sull'aspetto visivo, insomma. Trovate al suo interno tutte le informazioni che vi servono per conoscere al meglio la serie, senza rischiare di incappare in spoiler non voluti, attenti alle trame però!, trovate i link diretti per l'acquisto e potrete leggere piccoli "dietro le quinte"... Insomma, c'è di tutto un po'. Ho in mente di sistemarlo ancora, di aggiungere qualcos'altro, ma poiché mi  sentivo soddisfatta ho deciso di non protrarre oltre la sua chiusura. (2) Tuttavia, la mia voglia di riaprirlo in tutta fretta è stata dettata anche dalla pubblicazione, entro la fine di gennaio, del volume unico della trilogia! Non so se uscirà anche in cartaceo, tutto dipende dal prezzo che dovrei applicare al volume, ma sicuramente per fine mese troverete il digitale in esclusiva su Amazon. Nei prossimi giorni vi svelerò anche i vari dettagli: la nuova copertina, il numero di pagine, il prezzo e, soprattutto, la data d'uscita.

   LA CASA DI NESSUNO   

Forse in pochi ricorderanno questo post, per questo ve lo lascio qui, ma è arrivato il momento, piano piano, di svelarvi qualcosa sul futuro della serie di A causa tua, romanzo New Adult uscito a ottobre 2016, e in particolare sul suo secondo libro: La casa di nessuno, appunto. Serie di romanzi stand alone, quindi collegati fra loro per i vari protagonisti ma ognuno con storie autoconclusive, a cui tengo davvero moltissimo per i temi, forse un po' spinosi, che ho deciso di trattare di libro in libro. Fra qualche mese scoprirete la trama e la copertina di questo nuovo libro, che conto di pubblicare in primavera/estate, e di cui inizierò prestissimo la stesura. Ma per avere maggiori informazioni vi invito a leggere il post che vi ho linkato nella prima riga, è sicuramente più esaustivo e dice pressapoco le stesse cose, solo in forma più chiara e articolata.

E anche questo post, nonché primo del 2018, giunge al termine. Io spero di non avervi annoiati. Come sempre, se avete domande o dubbi, o volete lasciare semplicemente la vostra opinione, potete scrivermi nei commenti o in uno dei miei vari social =) Vi risponderò il prima possibile!
Un abbraccio,
Samantha M. Swatt

domenica 15 ottobre 2017

"Il lato nascosto della Luna": curiosità su Chibiusa! È possibile che abbia cambiato la storia?

Buongiorno, lettor! Questo post domenicale è dedicato a tutti i moon lovers (ho chiamato così, in pagina, coloro che stanno aspettando il retelling di Sailor Moon). Avevo accennato a questa ipotesi/curiosità/chicca svariati mesi fa, per la precisione il 23 luglio con la pubblicazione di questo post su Facebook. Come avevo scritto, per chi non avesse voglia di andare a leggere tutta la vecchia introduzione, non si trattava di una vera e propria curiosità, quanto più di una chicca che avevo scoperto per purissimo caso la sera prima.
A causa del caldo insopportabile di quei mesi estivi, avevo parecchie difficoltà a scrivere, perciò per non perdere tempo continuavo a cercare in rete spunti per la copertina che, grazie al cielo, penso proprio di aver risolto. Sono in contatto con una ragazza che, molto probabilmente, realizzerà un'illustrazione "su misura". Non è tuttavia il momento adatto per le spiegazioni, questo, perciò rimanderò tutto quello che ricorda la cover ad un futuro prossimo.
Tra una cosa e l'altra, ero incappata in un video di YouTube dove il ragazzo (proprietario del canale) si chiedeva una cosuccia riguardante Chibiusa: una cosa che, effettivamente, quando ho iniziato ad abbozzare il retelling mi sono domandata anche io per ragioni di trama. È possibile che la "dolcissima" bambina del futuro abbia cambiato la storia? Se ci pensate bene – e credo di non fare spoiler, perché il mio è un retelling e sono abbastanza sicura che tutti conosciate Sailor Moonquando Usagi e le altre tornano nel loro tempo, dopo aver impedito alla Black Moon di distruggere il nuovo mondo del trentesimo secolo, Chibiusa sarebbe dovuta tornare a casa sua, ma questo non accade. La futura Queen Serenity, infatti, spedisce la figlia nel passato affinché Sailor Moon e le altre la aiutino a diventare una potentissima guerriera. Ma se Chibiusa non fosse mai tornata indietro nel tempo, i successivi archi ci sarebbero stati? E, addirittura, se Chiubiusa non avesse proprio mai viaggiato nel tempo? Oggi, insieme a voi, vorrei elencarvi punto per punto le discrepanze e il paradosso temporale che il ritorno di Chibiusa ha creato.


1. Partendo dal presupposto che il secondo arco (o serie) non c'è mai stata, poiché la bambina non ha mai saltato nel tempo per chiedere l'aiuto di Usagi affinché salvasse la sua mamma e la Crystal Tokyio del XXX secolo, arriviamo direttamente al terzo arco: quello dei Death Busters (per i fedeli dela vecchia trasposizione, SAILOR MOON E IL CRISTALLO DEL CUORE). Per risvegliare Mistress 9, per gli amanti del cartone classico meglio conosciuta come la Despota 9, cioè Ottavia/Hotaru, c'è bisogno dell'anima pura di una persona pura. Sia nel manga che nell'anime, anche se in modi differenti, l'energia pura scelta è quella di Chibiusa e quella del suo cristallo d'argento. E qui iniziano i dubbi... Ma se la piccola peste non ci fosse stata, cosa sarebbe successo? Senza l'essenza pura di Chibiusa, non avrebbe potuto risorgere, quindi tutte le vicende del terzo arco semplicemente non ci sarebbero state.

2. Stesso discorso riguarda il quarto arco, ovvero quello dei Dead Moon Circus (sempre per gli amanti della vecchia trasposizione, SAILOR MOON E IL MISTERO DEI SOGNI). Pegasus, il cavallo protagonista di queste vicende narrative, per sfuggire ai suoi nemici si rifugia nei sogni puri di una bambina, e questa bambina è proprio Chibiusa. Ma se Chibiusa non ci fosse stata, non avrebbe potuto rifugiarsi nei suoi sogni. Tuttavia, questo è uno degli archi che l'anime anni '90 ha cambiato di più... Quindi, forse, benché l'arco Yume sia comunque anche nel manga "chibiusacentrico", ci sono nette differenze che potrebbero far pensare che, in fin dei conti, probabilmente sarebbe potuto concretizzarsi a sé.

3. L'ultimo arco del manga, che fa riferimento agli Star Seeds, cioè i semi di stella, porta il nome di Chaos (per i nostalgici sto parlando di PETALI DI STELLE PER SAILOR MOON). Come per il quarto arco, la trama di questa ultima storia diverge tantissimo tra anime e manga, in quanto Galaxia (la cattivona) cerca solo i Sailor Crystals, ovvero i cristalli che tutte le guerriere hanno dentro di loro. Ed è proprio lei che causa la rapida crescita di Ottavia/Hotaru, affinché recuperi presto i suoi poteri di guerriera. Ma se Chibiusa non aveva causato il risveglio di Mistress 9 che, a sua volta, aveva contribuito al risveglio di Sailor Saturn, Galaxia non avrebbe potuto rubare il suo "seme di stella". Esattamente come quelli di Pluto, Uranus e Neptune, mai risvegliate nel presente poiché le vicende del terzo arco non sono mai esistite.



Fin qui tutto chiaro? xD Insomma, è un susseguirsi di avvenimenti che, seppur ideati in un secondo momento dalla Takeuchi poiché, non so se tutti lo sapete, aveva deciso di fermarsi all'atto Black Moon, si incastrano perfettamente gli uni agli altri. Se Chibiusa non fosse mai arrivata dal futuro, Sailor Saturn non si sarebbe mai risvegliata... Sailor Pluto starebbe ancora a sorvegliare la sua porta spazio-temporale e il risveglio di Sailor Uranus e Sailor Nepture non sarebbe mai avvenuto. In questo modo, Galaxia non avrebbe avuto abbastanza cristalli per mettere a punto il suo diabolico piano. Cosa succederebbe a questo punto? Una volta sconfitta Metallia, alla fine del primo arco, Usagi non avrebbe affrontato nessuna di queste battaglie e sarebbe diventata subito regina... Cosa che, se ci pensate, è proprio quello che succede quando lei e le altre viaggiano nel tempo, raggiungendo il futuro da cui arriva proprio Chibiusa. Le guerriere che proteggono la regina e il palazzo di cristallo sono solo quattro e le loro uniformi non presentano alcuna variazione, sono infatti sputate a quelle che indossano prima dell'arrivo della piccola peste. Pluto è ancora a sorvegliare la porta e non si accenna minimamente alle altre tre guerriere. E questo vorrebbe dire che in questa futura Crystal Tokyo ci sono solo quattro Sailor più Pluto.



Un'ulteriore chicca, riguarda qualcosa che Re Endymion dice ai protagonisti quando, nel secondo arco, raggiungono la Tokyo del XXX secolo. Secondo lui, infatti, Usagi è diventata la Neo Queen Serenity della Terra dopo aver utilizzato il potere del cristallo d'argento per liberare il mondo da una glaciazione durata anni e anni, salvando anche tutti i suoi abitanti... A quel punto, riconosciuto il potere immenso della donna, salì al trono e Crystal Tokyo venne eletta capitale del mondo intero. Ma è una storia nuova oppure ci ricorda qualcosa? Vi dico solo un nome, Kaguya.
Oltre ai volumi basici e alle serie standard, il mondo di Sailor Moon è stata arricchita negli anni di capitoli extra e lungometraggi. La storia della principessa Kaguya, o principessa Neve di Luna, segue un filo conduttore a sé. Non ha niente a che vedere con Chaos o con Chibiusa, è una figura che c'è a prescindere sia nel manga che in TV, ma la sua apparizione viene collocata alla fine del terzo arco. Questa nuova nemica vuole congelare l'intero pianeta, ma Sailor Moon, grazie all'aiuto di tutte le sue compagne e della coppa lunare, riesce a respingerla. Bene... Ma se Chibiusa non ci fosse stata e il terzo arco non si fosse mai compiuto, ce l'avrebbe fatta comunque? Seguendo la logica del post no. Se le uniche guerriere su cui può fare affidamento sono Mercury, Mars, Jupiter e Venus, e la coppa lunare non esiste, Pluto non si è mai mossa dal futuro e Haruka e Michiro non hanno mai vestito i panni di Sailor Uranus e Sailor Nepture... Sailor Moon viene sconfitta e Kaguya riesce a portare a termine il suo piano di glaciazione.



In conclusione, seguendo questa nuova linea temporale, Chibiusa non è mai arrivata dal futuro. Usagi, Mamoru e le altre vivono traquillamente la loro vita, il clan della Black Moon non c'è, tutto quello che succede nella terza serie non esiste... Arriva Kaguya, perché è l'unica che non ha bisogno di Chibiusa per esistere, attacca le guerriere sailor, che a questo punto sono solo cinque, Usagi ha solo il cristallo d'argento e il Moon Stick della prima serie, che non sono potenti quanto una trasformazione in Super Sailor Moon grazie alla coppa lunare, e viene sconfitta.
Ecco spiegata la glaciazione di cui parla Endymion del futuro.

Lo so che tutta la storia è un po' contorta, ma ci tenevo davvero tantissimo a rendervi partecipi del mio pensiero. Anche per dirvi che tantissime persone avendo analizzato la storia si sono sempre chieste come sarebbe potuta svilupparsi la storia di Usagi e tutte le altre se Chibiusa non fosse mai arrivata. Una specie di What's if...? / E se...? Beh, involontariamente, perché non avevo idea che sul web spopolassero queste idee, il mio retelling potrebbe dar voce a tutte quelle persone che queste domande se le sono fatte. E la scoperta mi ha fatto andare in visibilio, perché ho ideato questo retelling in modo molto basic, e perché sono un'appassionata di anime e manga, ma non credevo che la mia idea, se ben gestita, avrebbe potuto rendere felice così tante persone.

Io, come mio solito, ho parlato anche troppo e mi sono dilungata tantissimo!
Sarei curiosissima di leggere i vostri commenti a riguardo, quindi se vi va lasciatemi il vostro punto di vista qui sotto =) E se avete domande, dubbi, perplessità, contattatemi in qualunque modo, cercherò di rispondervi nel minor tempo possibile.
Un bacione grande a tutti,
Samantha M. Swatt

lunedì 7 agosto 2017

In anteprima assoluta, tre estratti de «Il lato nascosto della Luna»

Buongiorno a tutti, lettori! Nel post precedente avevo detto che, nel mese di agosto, ci sarebbero state altre due pubblicazioni qui sul blog riguardanti il retelling di cui mi sto occupando. Bene, non sarà così. Ci ho pensato un po' e, benché volessi parlarvi delle teorie riguardanti il personaggio (per alcuni fastidioso) di Chibi-Usa, sono arrivata alla conclusione che mettere tante cose tutte insieme, specialmente in un mese come questo, sarebbe stato controproducente, sia per me che per voi. E visto che, secondo me, la curiosità su questa piccola peste potrebbe rivelarsi molto, molto utile (perfino importante) ho deciso di rimandare il post agli inizi di settembre.
Sono sicura che non starete piangendo, soprattutto perché avete letto il titolo di questo post e sapete che, nonostante l'assenza della nostra e amata Small Lady, di seguito vi aspettano ben TRE ESTRATTI IN ANTEPRIMA ASSOLUTA de Il lato nascosto della Luna.


RICORDO CHE GLI ESTRATTI CHE LEGGERETE DI SEGUITO SONO PRIVI DI EDITING.
QUANDO IL ROMANZO SARÀ ULTIMATO, ALCUNE FRASI POTREBBERO ESSERE DIVERSE. IL FULCRO DEI DISCORSI E DELLA TRAMA, TUTTAVIA, NON CAMBIERÀ NELL'EDIZIONE CORRETTA E DEFINITIVA.

❝Gradualmente, il cerchio scuro della Luna entrò nell’orbita solare, oscurando la gigantesca stella ogni secondo che passava. [...] Il cielo era diventato nero come il petrolio e l’aria, benché sapessi fosse impossibile, riuscivo ad avvertirla più gelida.
Una scarica elettrica, bruciante e glaciale al tempo stesso, percorse la mia spina dorsale. [...] Nella confusione, notai altre tre ragazze guardarsi attorno, come se quella misteriosa sensazione avesse investito anche i loro corpi. Non le conoscevo. Non le avevo mai viste in giro, né a scuola. Non erano molto distanti da me, al contrario... sembrava quasi che mi accerchiassero. Erano tutte molto carine, e intimorite. [...]
«Oh, mio Dio! È stato incredibile!» strillò Thierry, eccitato come un bambino in un negozio di caramelle. Anche Étienne disse qualcosa, perfino Sabine, ma qualcosa mi spinse a voltarmi di nuovo in cerca di quelle ragazze.
Non le vidi più. Era come se, alla conclusione di quell’eclissi, fossero sparite insieme all’ombra della Luna.❞
La pelle di quello che pensavo essere un uomo era decadente e sbrindellata, tendente perfino al grigio, e benché la voce risuonasse bassa – demoniaca e maschile – non c’erano dubbi che quello che vestiva fosse un corpo femminile. La pupilla e la sclera erano insolitamente nere come la pece, e al centro della fronte risplendeva una gemma romboidale, mentre dai denti, aguzzi come quelli di un animale, colava una strana e disgustosa sostanza giallognola.
«Che… che… che diavolo è quello, Luna?» balbettai, guardando a destra e a sinistra per trovare una via di fuga.
«Uno dei problemi di cui ti stavo parlando prima.»
«E non potevi parlarmene un po’ meglio?»        
«Credi sia il momento giusto per discutere di questo?»
Non riuscii a rispondere. La donna-mostro mi piombò addosso, sbattendomi contro il bancone di vetro che si frantumò sotto il mio peso.
❝«Tieni il tuo gatto nella borsa?»
Sobbalzai, quando mi accorsi del mio compagno di sedile. Era una congiura cosmica, non poteva trattarsi di altro. Qualcuno, chissà dove, aveva deciso di punirmi per le mie azioni. «Non credo che siano affari tuoi. E poi che ci fai su un autobus? Avrai almeno quarant’anni, non ce l’hai la patente?»
«Quarant’anni?» domandò esterrefatto, e potei giurare di aver visto un guizzo contrargli la mandibola e l’occhio sinistro. «Per tua informazione ho ventiquattro anni, e sono su questo autobus perché, proprio questa mattina, il mio coinquilino dava un esame importante. Perciò ho preferito prestargliela.»
«Oh.» sussurrai, non aspettandomi un così bel gesto. Conoscevo poche persone, e i ragazzi che avevo avuto si potevano contare sulle dita di una mano, ma nessuno di loro avrebbe mai lasciato la propria macchina ad un’altra persona.
Al liceo avevo frequentato un ragazzo conosciuto alla sala giochi. Era iscritto al secondo anno di università e non faceva alto che vantarsi della sua costosissima automobile. Una sera, per sbaglio, graffai lievemente la carrozzeria… Il mattino dopo trovai un messaggio sul mio telefono, diceva pressappoco: “Mi dispiace, ma credo che non siamo compatibili. Tra noi è finita.” Rilessi quelle parole per diverse ore, e quando inoltrai l’SMS a Sabine mi telefonò travolta da una valanga di risate convulse. Sapeva che non avrei mai potuto amare un tipo del genere, ancora oggi mi chiedevo perché avessi perso tre mesi della mia vita dietro a lui, ma lasciarmi per una macchina aveva scatenato la bambina dispettosa ben nascosta dentro di me. Avevo lasciato passare del tempo, sotto suggerimento dei miei migliori amici, dopodiché la sua carrozzeria si era trasformata in una scacchiera dalle linee nitide e pulite.
Mi accorsi che il ragazzo seduto al mio fianco mi stava fissando, e solo quando mi resi conto di sghignazzare a voce un po’ troppo alta ne compresi il motivo.
Che imbarazzo.❞

Ecco qui i tre estratti. Io spero davvero che vi possano piacere e che, in qualche modo, possano farvi capire come sarà la storia che fra qualche mese potrete leggere. Come sempre, se volete lasciarmi il vostro parere o farmi domande, vi risponderò appena mi è possibile. Domani parto, andrò in Campania per due settimane, quindi le risposte qui sul blog potrebbero farsi un po' attendere non avendo con me il computer... Tuttavia, se voleste una risposta più rapida, potete tranquillamente scrivermi in pagina o via email =) In quel caso penso di rispondervi in giornata. Io vi mando un bacione e vi auguro buone vacanze! Con le novità, ci risentiamo a settembre ;)
Un abbraccio,
Samantha M. Swatt